Altre versioni:

Normativa

Emanata circolare n. 15 dell' 8 maggio 2006, concernente l'applicazione dell'art. 9 del nuovo Regolamento dello Stato Civile. Attivita' di ausilio al compito degli ufficiali di stato civile

Con circolare n. 15 dell'8 maggio u. s., concernente l'applicazione dell'art. 9 del nuovo Regolamento dello Stato Civile, la Direzione Centrale per i Servizi Demografici ha invitato le Prefetture a provvedere - nel caso in cui emergano problematiche non facilmente risolvibili ai sensi della normativa o delle direttive gia' emanate - alla raccolta dei dati di rilievo che dovranno essere trasmessi, unitamente ad una valutazione della problematica presentata, alla Direzione Centrale stessa, che emanera' le direttive del caso.

Emanata circolare n. 1 del 22.1.2007 avente ad oggetto Circolare n. 26 del 7 luglio 2006 relativa all'attivita di supporto ai Comuni in relazione al software della sperimentazione dello stato civile.

Facendo seguito alla circolare di cui all'oggetto, con la quale a suo tempo era stata richiesta la collaborazione delle Prefetture-UU.TT.G. per lo studio, da parte dei Comuni, del software di sperimentazione curato e distribuito da questa Direzione Centrale onde poter perfezionare, attraverso i risultati conseguiti, il software sperimentato, con tale circolare si invitano le Prefetture che non vi abbiano ancora provveduto, a voler fornire, in tempi brevi, il richiesto parere.

Si pubblica circolare n. 5 emanata in data 14.2.2007 ed avente ad oggetto: Interpretazione art. 36 del D.P.R. n. 396/2000 - Scelta dell'indicazione del nome.

A seguito di continue richieste di chiarimenti circa l'interpretazione del disposto di cui all'art. 36 del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396, questa Direzione Centrale ha ritenuto opportuno emettere una ulteriore circolare esplicativa (che qui si allega) che consolidasse, oltre i contenuti gia esposti con precedente circolare n. 2 del 26 marzo 2001, anche le varie risposte a suo tempo fornite e pubblicate da questa Direzione Centrale su questo sito a quesiti posti sull'argomento.

Si pubblica circolare n. 6 emanata in data 16.2.2007 ed avente ad oggetto: Chiarimenti interpretativi in ordine al limite territoriale alla celebrazione di matrimoni da parte di ministri di culto diversi da quello cattolico.

A seguito del pervenire di richieste di chiarimento in ordine alla possibilita di trascrivere nei registri dello stato civile matrimoni religiosi celebrati da ministri di culto non cattolici al di fuori dell'ambito territoriale indicato nel decreto del Ministro dell'Interno di approvazione della nomina ai sensi dell'art. 3 della Legge 24 giugno 1929, n. 1159, questa Direzione Centrale ha ritenuto opportuno fornire precisazioni con la circolare che di seguito si allega.

Emanata circolare n. 26 in data 1' giugno 2007 avente ad oggetto: Falsificazione di atti nella procedura per il riconoscimento della cittadinanza italiana.

A seguito di segnalazioni di incremento di casi di falsificazione e/o contraffazione di documenti e certificazioni dello stato civile utilizzati dai soggetti che richiedono il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis, questa Direzione Centrale ha ritenuto opportuno dare delle indicazioni al fine di arginare il verificarsi dei fenomeni sopracitati.

Emanata circolare n. 27 in data 1' giugno 2007 avente ad oggetto: Interpretazione degli artt. 34 e 35 del D.P.R. n. 396/2000. Scelta dell'indicazione del nome.

A seguito di richieste di chiarimenti in merito all'esatta interpretazione degli artt. 34 e 35 del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396, segnatamente per quel che attiene alla scelta dell'indicazione del nome rimessa ai genitori, questa Direzione Centrale ha ritenuto opportuno emettere la circolare esplicativa di cui al titolo della presente notizia.

Emanata circolare n. 29 del 7.6.2007 recante: Celebrazione matrimonio in luogo diverso dalla casa comunale.

A seguito di numerose richieste di chiarimento in merito alla possibilita di celebrare matrimoni al di fuori dall'edificio comunale, questa Direzione Centrale ha constatato l'esistenza di prassi interpretative alquanto differenti sul territorio.Onde sopperire a tali equivocita interpretative, si e ritenuto, quindi, opportuno, con questa circolare, fornire delle precisazioni in merito, ricordando innanzitutto i principi base vigenti in materia, ai quali tutti gli Ufficiali dello stato civile debbono attenersi.

Emanata circolare n. 30 del 7.6.2007 avente ad oggetto: Interpretazione art. 77 del D.P.R. n. 396/2000. Autorizzazione al seppellimento della salma.

A seguito di richieste di chiarimento da parte di alcune Prefetture circa l'esatta interpretazione dell'art. 77 del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396, Autorizzazione al seppellimento della salma, con tale circolare, questa Direzione Centrale fornisce le dovute precisazioni e sostanzialmente conferma la non obbligatorieta, da parte dell'Autorita Giudiziaria, di trasmettere, nei casi contemplati dal suddetto art.

Emanata circolare n. 31 del 7.6.2007 recante: Trascrizione per riassunto atti formati all'estero. Problematiche connesse alla traduzione.

A seguito del pervenimento, da parte di piu comuni, di lamentele in merito alla ricezione di documenti stranieri per la trascrizione nei registri dello stato civile la cui traduzione in lingua italiana e parziale ovvero non riferita all'intero contenuto dell'atto, questa Direzione Centrale richiama le disposizioni normative vigenti in materia, rimandando anche a quanto a suo tempo precisato dal Ministero degli Affari Esteri con circolare n. 303 196427 del 24 maggio 2007 (che si allega alla presente circolare).n.b.: l'allegato alla circolare n.

Si pubblica la circolare n. 33 del 20.6.2007 avente ad oggetto Rilascio di atti dello stato civile su modelli plurilingue.

A seguito di rimostranze da parte di alcune Autorita diplomatiche e consolari circa il mancato rilascio di estratti plurilingue di atti dello stato civile da valere all'estero, in conformita ai moduli internazionali disposti dalla Convenzione di Vienna dell'8 settembre 1976, ratificata con legge 21 dicembre 1978, n. 870, con tale circolare si vuole richiamare l'attenzione delle amministrazioni comunali affinche dette disposizioni vengano invece scrupolosamente osservate.

Pagine

Iscriviti a RSS - Normativa