Altre versioni:

Informazioni

PRIMO PIANO INA SAIA

      Interruzione dei servizi forniti dal sistema INA-SAIA....
Versione stampabileInvia ad un amicoVersione PDF

Con decreto legge del 27.12.2000 n. 392, convertito con legge 28.2.2001 n. 26, é stato istituito, presso il Ministero dell´ Interno, l´ Indice Nazionale delle Anagrafi (INA), per un migliore esercizio della funzione di vigilanza e di gestione dei dati anagrafici. Il decreto ha modificato l´ articolo 1 della legge 24 dicembre 1954, n. 1228 sull´ Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente. L´ INA rappresenta l´ infrastruttura tecnologica di riferimento e di interscambio dei dati anagrafici comunali e le Pubbliche Amministrazioni: l´ associazione fra i dati identificativi del cittadino e il comune di residenza completa la circolaritá anagrafica al fine di conseguire l´ obiettivo della semplificazione e razionalizzazione dell´ azione amministrativa. La garanzia dell´ identificazione del cittadino su tutti gli archivi della Pubblica Amministrazione é data dalla chiave di ricerca univoca individuata nel codice fiscale. L´ indice non contiene informazioni anagrafiche del cittadino, che restano di esclusiva pertinenza dell´ anagrafe del comune di residenza, ma solo i dati minimi che servono a reperirle o ad accelera e l´ accesso. L´ INA, realizzato e gestito dal Ministero dell´ Interno, é un servizio gratuito accessibile in rete a tutti i comuni, i quali sono tenuti a partecipare alla creazione ed al suo continuo e costante aggiornamento. Il progetto I.N.A.-S.A.I.A. realizza una profonda evoluzione delle modalitá di erogazione dei servizi verso i cittadini attraverso le seguenti funzionalitá generali:

  •  inoltro telematico ai Comuni e alle PP.AA. delle variazioni anagrafiche;
  •  interrogazioni sull´ archivio anagrafico comunale per la consultazione e la stampa di certificati attraverso l´ uso della nuova carta di identitá (CIE) effettuate direttamente dal cittadino;

L´ architettura del Sistema di Accesso e di Interscambio Anagrafico é basata dunque sull´ indice di riferimento nazionale (INA) che consente il collegamento logico virtuale delle anagrafi comunali per il reperimento certo su base nazionale della residenza del cittadino. L´ inoltro delle informazioni alle Amministrazioni pubbliche abilitate alla ricezione automatica dei dati di interessi avviene tramite l´ utilizzo di una infrastruttura di sicurezza, controllo e documentazione per lo scambio certificato di informazioni anagrafiche. Il progetto INA-SAIA, dunque, si propone di:

  • garantire l´ interconnessione dei Comuni e razionalizzare l´ interazione tra questi e le Amministrazioni centrali e territoriali in materia di informazione anagrafica;
  • garantire le funzioni di supporto necessarie alla emissione della carta di identitá elettronica;
  • garantire la presenza dell´ iscrizione di un cittadino in una sola anagrafe comunale e di eliminare le eventuali duplicazioni d´ iscrizione;
  • offrire servizi ai comuni e a tutte le pubbliche amministrazioni collegate (attualmente sono collegate al SAIA il Ministero dell´ Economia - Anagrafe Tributaria, Ministero dei trasporti - Motorizzazione Civile, Istituto Nazionale Previdenza Sociale e quasi la totalitá dei Comuni italiani).
  • fornire uno strumento in grado di aumentare la qualitá dei servizi offerti, controllando la qualitá e l´ univocitá dei dati delle variazioni anagrafiche trasmesse e facilitando l´ attivitá di vigilanza sulle anagrafi da parte della Direzione Centrale dei Servizi Demografici del Ministero dell´ Interno.

 

Direzione :

Viceprefetto Agg. - Vacante

 

Ufficio Amministrativo